Articoli

Come avviare un blog WordPress nel MODO GIUSTO in 5 semplici passaggi nel 2020

Vuoi avviare un blog WordPress nel modo giusto? Sappiamo che avviare un blog può essere un pensiero terrificante specialmente quando non sei un geek.
Indovina un po ‘, non sei solo. Avendo aiutato molti utenti a creare un blog, abbiamo deciso di creare la guida più completa su come avviare un blog WordPress senza alcuna conoscenza tecnica.

Di cosa hai bisogno per avviare un blog WordPress?

Ci sono tre cose di cui hai bisogno per creare un blog WordPress:
Un’idea per il nome di dominio (questo sarà il nome del tuo blog, cioè il mioblog.it)
Un account di web hosting (qui è dove il tuo sito web risiede su Internet)
se vuoi conoscere il miglior Hosting nel 2020 clicca qui.
La tua totale attenzione per 30 minuti.
Sì, hai letto bene. Puoi avviare un blog da zero in meno di 30 minuti e ti guideremo attraverso l’intero processo, passo dopo passo.
In questo tutorial, tratteremo:
Come registrare un nome di dominio gratuitamente
Come scegliere il miglior web hosting
Come installare e configurare il blog di WordPress
Come cambiare il modello di design del tuo blog
Come scrivere il tuo primo post sul blog
Come personalizzare il blog di WordPress con i plugin
Come aggiungere un modulo di contatto

Passaggio 1. Configurazione

Il più grande errore che i principianti commettono quando creano un blog è scegliere la piattaforma di blog sbagliata.
Per fortuna sei qui, quindi non commetterai questo errore.
Per il 95% degli utenti, ha più senso utilizzare WordPress.org noto anche come WordPress self-hosted. Perché?
Poiché è gratuito, puoi installare plugin, personalizzare il design del tuo blog e, soprattutto,
guadagnare dal tuo blog senza alcuna restrizione .
WordPress è anche la piattaforma di siti Web numero uno utilizzata da tutti i blog di successo. Per mettere in prospettiva,
il 34% di tutti i siti Web su Internet utilizza WordPress!
Ora ti starai chiedendo perché WordPress è gratuito? Qual è il trucco?
Non c’è trucco. È gratuito perché devi eseguire la configurazione e ospitarlo da solo.
In altre parole, hai bisogno di un nome di dominio e di un web hosting.
Un nome di dominio è ciò che le persone digitano per accedere al tuo sito web.
È l’indirizzo del tuo sito web su Internet. Pensa a google.com o graphalia.com
L’hosting web è dove risiedono i file del tuo sito web. È la casa del tuo sito web su Internet. Ogni sito web necessita di web hosting.
Un nome di dominio in genere costa circa € 10 / anno e l’hosting web normalmente costa € 5,99 / mese.
Questa è una spesa non indifferente per i principianti che sono appena agli inizi.
Per fortuna, VHosting, un provider di hosting ufficiale consigliato per WordPress,
ha accettato di offrire ai nostri utenti un nome di dominio gratuito per il primo anno e uno sconto sull’hosting web.

Andiamo avanti e acquistiamo il tuo dominio + hosting, basta un clic sull’immagine.

VHosting-Graphalia

 

Passaggio 2. Installa WordPress

Per l’installazione di WordPress ti rimando al mio articolo su come installare WordPress in 5 minuti !

Passaggio 3. Selezione del tema WordPress

L’aspetto visivo del tuo blog WordPress è controllato da temi. Quando visiti per la prima volta il tuo blog, sarà simile a questo:

 

TwentyTwenty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo non è molto allettante per la maggior parte delle persone.
Personalizzare l’aspetto del tuo blog è di gran lunga una delle parti più eccitanti e gratificanti nel viaggio di creazione del tuo blog WordPress.
Esistono migliaia di temi WordPress predefiniti che puoi installare sul tuo sito. Alcuni di loro sono temi gratuiti, mentre altri sono a pagamento.
Puoi cambiare il tuo tema accedendo alla dashboard di WordPress e facendo clic su Aspetto »Temi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vai avanti e fai clic sul pulsante Aggiungi nuovo.
Nella schermata successiva, potrai cercare tra 7.400+ temi WordPress gratuiti disponibili nella directory ufficiale dei temi di WordPress.org.
Puoi ordinare per popolari, più recenti, in primo piano e per altri filtri di funzionalità (ad esempio settore, layout, ecc.).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Puoi spostare il mouse su un tema e vedrai un pulsante Anteprima. Facendo clic su di esso si aprirà l’anteprima del tema
in cui puoi vedere come apparirà il design sul tuo sito web.

L’anteprima del tuo tema potrebbe non apparire esattamente come mostrato nello screenshot, il che è normale in quanto potrai personalizzarlo e configurarlo in seguito.
Quello che devi cercare è il design, i colori, la tipografia e altri elementi.
Il miglior consiglio per selezionare il tema WordPress perfetto è cercare la semplicità nel design.
Ti aiuta a mantenere le cose pulite e chiare offrendo una buona esperienza ai tuoi utenti.
Quando hai trovato il tema che ti piace, porta semplicemente il mouse su di esso e mostrerà il pulsante Installa.
Fare clic su di esso e attendere che il tema venga installato.

Successivamente, il pulsante di installazione verrà sostituito con un pulsante di attivazione.
È necessario fare clic su di esso per attivare il tema.

Dopo aver installato il tema, puoi personalizzarlo facendo clic sul collegamento Personalizza nel menu Aspetto.

Dopo aver selezionato il tuo tema WordPress, ora sei pronto per creare il tuo primo post sul blog.

Passaggio 4. Creazione del primo post sul blog

Per scrivere un post sul blog, fai clic sul menu Articoli »Aggiungi nuovo nella dashboard di WordPress.
Vedrai un’area dell’editor in cui puoi scrivere il tuo primo post sul blog.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WordPress utilizza un editor basato su blocchi in cui ogni elemento è un blocco.
Ciò ti consente di creare bellissimi layout di contenuto per i post del tuo blog.
Una volta che hai finito di scrivere, vai avanti e fai clic sul pulsante Pubblica nell’angolo in alto a destra dello schermo
per rendere il tuo post del blog pubblicamente disponibile.

Nella schermata dei post, noterai diverse altre sezioni come Categorie e Tag. Puoi usarli per organizzare i post del tuo blog in sezioni.
Spesso i principianti sono confusi tra i post e il menu delle pagine nella dashboard di WordPress.
A Breve faremo una guida completa sulla differenza tra post e pagine in WordPress.

Passaggio 5. Plugin e personalizzazioni

Dopo aver scritto il tuo primo post di blog di esempio, probabilmente vorrai iniziare con l’aggiunta di altri elementi sul tuo sito web
come moduli di contatto, gallerie, cursori, modulo di iscrizione alla newsletter, ecc.
Per aggiungere tutte queste funzionalità aggiuntive, è necessario utilizzare i plugin.
I plugin di WordPress sono app che ti consentono di aggiungere nuove funzionalità al tuo sito web (senza scrivere alcun codice).
Ci sono oltre 55.000 plugin WordPress disponibili nella sola directory dei plugin WordPress gratuita.
Ciò significa che non importa cosa vuoi ottenere, c’è un plugin per tutto.

Detto questo, diamo un’occhiata a come utilizzare i plugin per aggiungere alcune funzionalità essenziali al tuo blog WordPress.

Come creare un modulo di contatto in WordPress

Ogni sito web necessita di un modulo di contatto. Consente ai tuoi utenti di inviarti un’e-mail direttamente.
Poiché WordPress non viene fornito con un modulo di contatto integrato, avrai bisogno di un plug-in
per la creazione di moduli di WordPress per aggiungere un modulo di contatto sul tuo sito.
Si consiglia di utilizzare il plug-in WPForms Lite.
È una versione gratuita del popolare plugin WPForms, che è il numero 1 nella nostra lista dei migliori plugin per moduli di contatto per WordPress.
Oltre 3 milioni di siti web utilizzano WPForms!
Puoi installare il plugin andando su Plugin »Aggiungi nuovo e digitando WPForms nella casella di ricerca.
Successivamente, è necessario fare clic su “Installa” e quindi su “Attiva”.
Dopo l’attivazione, devi andare su WPForms »Aggiungi nuovo per creare il tuo primo modulo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo aprirà l’interfaccia del generatore di WPForms.
Innanzitutto, è necessario inserire un nome per il modulo di contatto e quindi fare clic sul modello “Modulo di contatto semplice”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WPForms ora creerà per te un semplice modulo di contatto con tutti i campi richiesti.
Puoi fare clic su qualsiasi campo per modificarlo o aggiungere un nuovo campo dalla colonna di sinistra.

Una volta terminata la modifica del modulo, fare clic sul pulsante Salva nell’angolo in alto a destra e quindi uscire dal generatore di moduli.
Ora puoi creare una nuova pagina in WordPress andando su Pagine »Aggiungi nuova e chiamala” Contatto “.
Nella schermata di modifica, devi inserire il blocco WPForms che trovi nell’editor.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Successivamente, seleziona il modulo che hai creato in precedenza dal menu a discesa e WPForms caricherà un’anteprima dal vivo del modulo nell’editor.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora puoi salvare e pubblicare la pagina e visitarla nel tuo browser per vedere il tuo modulo di contatto in azione.

Abbiamo visto in questo articolo come realizzare in pochi semplici passi un Blog in WordPress, per qualsiasi dubbio o informazione non esitare a lasciare un commento.

 

Hosting WordPress: nel caso tu voglia creare un sito con il famoso CMS WordPress sei ancora più fortunato, in quanto su questo hosting sono state eseguite delle ottimizzazioni per renderlo il miglior hosting WordPress.

Eccoti rivelato il nome: VHosting

Continua a leggere

Il sito Web gratis

Con l’esplosione dei CMS, in questi anni, sono spuntati come funghi decine e decine di portali che permettono di realizzare un Sito Web gratis in pochi minuti. Si vede la pubblicità ovunque su Internet, giornali e anche in televisione. L’utente inesperto è subito attratto dalla ostentata semplicità e apparente efficacia di tali mezzi.

Ma sono davvero così validi? Com’è il rapporto prezzo qualità?

Come tutto hanno pregi e difetti, vediamo a chi possono essere adatti.

Quasi tutti questi servizi offrono una versione gratuita: puoi creare il tuo sito per testare il servizio e volendo usarlo gratuitamente per sempre. Ovviamente in questo caso non avrai un tuo nome a dominio ma sarai un “ospite” e quindi un nome a dominio di terzo livello. Ipotizziamo che hai scelto il nome “biosystem”avrai: biosystem.nomeazienda.com.

Inoltre devi leggere con attenzione le regole per l’uso del servizio per capire i limiti di pubblicazione.

Ad esempio quasi tutti i servizi gratuiti concedono lo spazio per fini personali e non aziendali o commerciali (è anche logico).

Offrono un mare di funzioni ma con notevoli limiti. Per esempio inserire sondaggi a cui possono rispondere massimo 50 persone oppure il modulo contatti in cui possono scriverti tot visitatori e via dicendo.

Ripeto io personalmente te li sconsiglio a meno tu non voglia semplicemente divertirti o abbia del tempo da perdere.

creare-un-sito-web-gratis-alt

La versione a pagamento del sito web gratis

La versione del sito web gratis è ovviamente un modo per attrarre potenziali clienti verso i sevizi “Premium”. Acquistando il “pacchetto base” mediamente i prezzi vanno dai 70/80 euro all’anno in su per l’acquisto del nome a dominio e l’hosting integrato.

La cifra non è certo alta (per progetti professionali a volte servono migliaia di euro) ma per quello che offrono forse è anche troppo.

Facendo il sito da te, con uno dei tanti CMS open source, oltre a spendere meno, realizzi un sito più accattivante, versatile e decisamente più autonomo.

Tanto per citarne qualcuno, i più noti sono Weebly, Webnode,1 & 1, Jimdo.

Fare un Sito Web gratis con questo genere di servizi è sicuramente la via più breve e si ottengono siti gradevoli ma, a mio avviso, quella col peggior rapporto prezzo/qualità e autonomia.

Realizzare e gestire il Sito Web gratis è semplice, quasi tutti offrono un interfaccia drag & drop (in pratica devi solo trascinare e rilasciare ciò che vuoi inserire nelle tue pagine). Ma le possibilità di personalizzazione grafica sono limitate, gli strumenti (gadget, plugin) per potenziare il sito pure.

Non sei a casa tua. Se domani il servizio chiude (o cambia regole) traslocare un sito creato con strumenti del genere (proprietari) può crearti grossi grattacapi.

Nelle loro pubblicità sembra tutto bello e fantastico, in realtà (legittimamente) cercano di attirarti facendoti credere che è tutto semplicissimo e poco costoso ma, come detto sopra, lo scopo è vendere i prodotti correlati.

E la cosa evidentemente per loro funziona. Effettivamente fare un sito è semplice, ma quando ti accorgi che non ti serve a nulla (perché quasi invisibile) o che non riesci a renderlo accattivante graficamente i casi sono tre:

  1. Ti tieni il sito così com’è, praticamente inutile;
  2. Molli tutto e cerchi di creare il sito con un metodo migliore (intanto hai perso mesi…);
  3. Richiedi i loro servizi a pagamento che saranno certamente efficaci ma dal punto di vista prezzo/qualità non esattamente convenienti…

A chi è adatta allora questa opzione?

  • A chi va di corsa, non vuol spender molto e ha un progetto amatoriale;
  • Oppure a chi vuole sperimentare la creazione di un sito e vedere dove arriva quindi solo curiosità
  • A chi ha poche pretese dal punto di vista grafico, va di fretta e gli basta un sito “vetrina”;
  • Ideale per fare test o per creare un “circuito” di micro siti, ma non per quello principale.

In conclusione se si vuole realizzare un progetto serio, efficace, dove si cerca di ottenere un risultato professionale avendo un sito che sia accattivante a livello grafico ma anche indicizzato a dovere per essere trovato dai motori di ricerca, sia meglio optare per altre scelte.

Molto meglio affidarsi ad una valida azienda professionale che conoscendo tutti gli aspetti più importanti riguardanti il mondo del web marketing e del web design, possa creare per la tua società un sito web che rispetti tutte le richieste dei tuoi clienti e che ti faccia lavorare in modo professionale realizzando qualcosa di veramente valido e duraturo nel tempo.

Installare WordPress : è semplice !

Hai deciso dopo aver sperimentato le varie offerte gratuite di realizzare un progetto serio che possa portarti anche dei profitti ?
Bene è arrivato il momento di pensare ad acquistare con una piccola spesa il tuo spazio Hosting personale e il tuo Dominio. Prima di continuare a leggere ti consiglio di andare a vedere l’articolo dove ti consigliamo il miglior servizio Hosting e scoprire il perché !

La domanda che più di frequente viene fatta quando si decide di costruire il proprio sito web con WordPress è : come si installa ?

Niente di più semplice, ci sono sostanzialmente 2 modalità di installazione della piattaforma che ti permetterà di cominciare a lavorare in completa autonomia, vediamole insieme.

La maggior parte dei servizi di Hosting cioè lo spazio che ospiterà fisicamente il tuo sito web, permettono tramite un pannello chiamato Cpanel di installare in modo del tutto automatico il CMS di WordPress oltre ovviamente ad altre applicazioni come Magento, Joomla e così via, ma non cambiamo discorso.
Una volta acquistato tale spazio e scelto il nome di Dominio ( www.tuonome.it ) avremo a disposizione i dati di login per entrare appunto in questo pannello, dove scorrendo nella sezione “Autoinstallers“, basterà scegliere WordPress come nella foto qui sotto :

Install-wordpress-1-altNella schermata successiva avremo la possibilità di inserire tutti i nostri dati per il sito che andremo a creare.

Install-wordpress-2-alt

Non ci rimane che premere il bottone “Installa” e attendere circa 5 minuti per avere finalmente la nostra piattaforma WordPress pronta all’uso, installata sul nostro spazio web.

Ora non ci rimane che scrivere nella barra degli indirizzi del nostro Browser ” Http://www.mionome.it/wp-admin ” per accedere a quello che viene chiamato “Backend“, cioè il vero cuore del nostro sito web.

Backend-wordpress-1-alt

Da qui potrete cominciare ad esprimere tutta la vostra creatività, scorrendo tra le varie sezioni di sinistra infatti potete scegliere il Tema che più vi piace tra quelli gratuiti disponibili, scrivere il vostro primo articolo e installare i plugin più interessanti e più utili ai vostri scopi.

Come dicevo ci sono 2 modalità di installazione, se la prima è del tutto automatica la seconda anche se abbastanza semplice, potrebbe risultare a primo impatto un pochino più complicata ma vediamola insieme;

La prima cosa da fare è collegarsi al sito internet di WordPress e scaricare il pacchetto d’installazione sul PC .

Install-wordpress-3-alt

A questo punto, bisogna andare nel pannello di controllo dell’ hosting e avviare la creazione di un nuovo database MySQL selezionando l’apposita voce (le diciture cambiano a seconda del servizio di hosting utilizzato). Comincerà una semplice procedura guidata nella quale si dovrà indicare il nome da assegnare al database e una combinazione di nome utente e password da usare per gestire quest’ultimo. Al termine dell’operazione, sarà visualizzata una pagina riepilogativa con il nome del database, il nome utente dell’amministratore e l’indirizzo del MySQL.

Adesso che abbiamo tutto il necessario dobbiamo aprire l’archivio di WordPress scaricato in precedenza (es. wordpress-4.5.1-it_IT.zip) ed estrarne il contenuto in una cartella qualsiasi, dopodiché dobbiamo il file wp-config-sample.php in wp-config.php ed aprire quest’ultimo con un editor di testo (va bene anche il classico Blocco Note di Windows).

 

 

Ora si procede effettuando queste modifiche:

  • Sostituire il valore database_name_here nella stringa define(‘DB_NAME’, ‘database_name_here’); con il nome del database del proprio hosting.
  • Sostituire il valore username_here nella stringa define(‘DB_USER’, ‘username_here’); con il nome utente dell’amministratore del database scelto.
  • Sostituire il valore password_here nella stringa define(‘DB_PASSWORD’, ‘password_here’); con la password che abbiamo scelto durante la creazione del database MySQL.
  • Sostituire il valore localhost nella stringa define(‘DB_HOST’, ‘localhost’); con l’indirizzo del database MySQL.

Bisogna infine individuare le seguenti stringhe e sostituirle con quelle presenti in questa pagina :

define(‘AUTH_KEY’,         ‘put your unique phrase here’);Install-wordpress-4-alt

define(‘SECURE_AUTH_KEY’,  ‘put your unique phrase here’);

define(‘LOGGED_IN_KEY’,    ‘put your unique phrase here’);

define(‘NONCE_KEY’,        ‘put your unique phrase here’);

define(‘AUTH_SALT’,        ‘put your unique phrase here’);

define(‘SECURE_AUTH_SALT’, ‘put your unique phrase here’);

define(‘LOGGED_IN_SALT’,   ‘put your unique phrase here’);

define(‘NONCE_SALT’,       ‘put your unique phrase here’);

  • Aggiungiamo dei numeri a piacere dopo wp nella stringa $table_prefix  = ‘wp_’; in modo da ottenere qualcosa come $table_prefix  = ‘wp12_’;.
  • Salviamo le modifiche effettuate al file selezionando la voce Salva dal menu File.

Arrivato a questo punto, avremo tutto il necessario per installare WordPress sullo spazio online.
Colleghiamoci dunque al pannello di controllo dello spazio hosting, selezionando la voce Gestore file (o Upload) per accedere al file manager del servizio e carichiamo tutti i file contenuti nella cartella di WordPress che si trova al momento sul nostro pc nella directory principale del sito. ( Public_html)
In alternativa possiamo caricare tutti i file tramite un client FTP come FileZilla.
Al termine dell’operazione, colleghiamoci all’indirizzo di dominio che abbiamo scelto http://www.mionome.it/wp-admin/install.php e partirà la procedura di configurazione iniziale di WordPress nella quale dovremo inserire il titolo del blog, il nome utente e la password che vogliamo usare per scrivere ed il nostro indirizzo email.

Install-wordpress-5-alt

Adesso, clicchiamo prima su Installa WordPress e poi su Collegati per accedere alla schermata di login di WordPress, effettuiamo l’accesso al blog usando i dati scelti in precedenza e avremo finalmente accesso al pannello interno del sito nel quale potremo dalla sezione ASPETTO sulla sinistra selezionare il tema grafico del blog, scrivere post, ecc..


Spero di esserti stato utile con questo articolo, sei riuscito ad installare WordPress senza difficoltà ? faccelo sapere lasciando un commento.

Che differenza c’è tra hosting e dominio?

Per hosting si intende uno spazio web sul quale caricare dei file html o di altro tipo per poterli poi visualizzare su un browser come Explorer, Mozilla, Opera o Safari. E’ di fatto una porzione di un disco fisso (hard disk) che mi viene attribuita, con limiti di spazio o senza limiti, da una società che fornisce spazio web e che poi si occupa di rendere quella porzione di spazio reperibile attraverso un indirizzo IP.
Ciò significa che avere uno spazio web non significa automaticamente avere anche un dominio (nella maggior parte dei casi è così, ma non sempre).

Continua a leggere