Articoli

Ma cosa sono Pinterest e Tumblr ?!?

Pinterest e Tumblr negli ultimi tempi hanno raggiunto altissimi livelli, divenendo due delle principali piattaforme di visual content marketing.

Tumblr è più una piattaforma di microblogging, si integra con i social network e ha la possibilità di condividere i contenuti su altre piattaforme, entrando così a far parte della famiglia dei social network visivi. Non a caso, i contenuti di maggior successo su Tumblr sono le immagini, i video e le gif animate.

Come tutti invece o la maggior parte NON sappiamo, Pinterest è il social network visivo per eccellenza, amato sia dagli utenti che dai brand grazie alla possibilità di interagire con i consumatori e generare traffico qualificato verso i loro siti.

Per il Marketing sopratutto queste due piattaforme possono portare grandi benefici, ma quale scegliere tra le due? La risposta dipende da una serie di fattori: il tuo target, i tuoi follower sui diversi social network e i contenuti che pubblichi.

Vediamo insieme i punti più interessanti:

Quali contenuti hanno maggiore successo?

L’80% dei contenuti pubblicati su Pinterest è costituito da repin che sono tipo i Retweet. I pin di maggior successo riguardano tutorial, ricette e consigli dedicati alle donne. Questi elementi ottengono un tasso di interazione del 42% in più rispetto agli altri tipi di pin condivisi sulla piattaforma. Su Pinterest sono più efficaci le immagini statiche; quando pubblichi una gif, questa non si avvia in automatico, ma è necessario cliccare sul tasto “play”. Per questo molti utenti tendono a ignorarle.

Tumblr Vs Pinterest alt

 

Su Tumblr invece i contenuti di maggior successo sono quelli pubblicati dai singoli utenti: immagini, meme, citazioni e gif animate, generalmente dedicate a personaggi famosi, film, musica.

A differenza di Pinterest, i contenuti dinamici sono molto apprezzati, anche perchè le gif partono in automatico.

Chi è il tuo target?

La fascia di età più diffusa su Pinterest è 25-35 anni. Gli utenti sono per lo più donne: il 33% delle donne online usa Pinterest, control l’8% degli uomini. I genitori sono molto attivi sulla piattaforma, infatti il 50% dei pinners ha figli.

Tumblr invece ha un pubblico più giovane: 16-24 anni, distribuito equamente tra uomini e donne. I genitori sono meno presenti, visto che sono solo il 33%.

I tuoi contenuti funzionano meglio da desktop e da mobile?

Gli utenti che usano Pinterest si connettono principalmente da mobile. Gli utenti adorano pubblicare contenuti e interagire con gli altri da mobile, infatti il 75% delle attività di pinning è fatta attraverso tablet e smartphone.

Tumblr invece è una piattaforma da desktop: la maggior parte delle visualizzazioni avviene tramite la navigazione dal pc. Ciò dipende anche dal fatto che su Tumblr è possibile pubblicare dei contenuti testuali, attività più semplice da computer che non da mobile.

Qual è il tempo di permanenza sulla piattaforma?

I tempi di permanenza in media sono simili per i due social: gli utenti di Pinterest trascorrono 15 minuti al giorno sul sito, contro i 14 di Tumblr.

Qual è la piattaforma più adatta per i video?

I video su Pinterest non funzionano molto: questo perchè sono mostrati in modo casuale e le anteprime non sono molto accattivanti. Di solito lo scroll dei contenuti avviene in modo rapido e per questo può succedere che un video ben fatto sia messo in secondo piano dalla pluralità di immagini pinnate.

Tumblr invece è più indicato per i video, che sono mostrati all’interno del feed nel formato grande e attirano l’attenzione al pari di immagini e gif.

Ora che abbiamo visto cosa sono, a cosa servono e quali benefici possono portare alla tua attività facci sapere cosa ne pensi lasciando un commento !!!!

 

Installare WordPress : è semplice !

Installare WordPress : è semplice !

Hai deciso dopo aver sperimentato le varie offerte gratuite di realizzare un progetto serio che possa portarti anche dei profitti ?
Bene è arrivato il momento di pensare ad acquistare con una piccola spesa il tuo spazio Hosting personale e il tuo Dominio. Prima di continuare a leggere ti consiglio di andare a vedere l’articolo dove ti consigliamo il miglior servizio Hosting e scoprire il perché !

La domanda che più di frequente viene fatta quando si decide di costruire il proprio sito web con WordPress è : come si installa ?

Niente di più semplice, ci sono sostanzialmente 2 modalità di installazione della piattaforma che ti permetterà di cominciare a lavorare in completa autonomia, vediamole insieme.

La maggior parte dei servizi di Hosting cioè lo spazio che ospiterà fisicamente il tuo sito web, permettono tramite un pannello chiamato Cpanel di installare in modo del tutto automatico il CMS di WordPress oltre ovviamente ad altre applicazioni come Magento, Joomla e così via, ma non cambiamo discorso.
Una volta acquistato tale spazio e scelto il nome di Dominio ( www.tuonome.it ) avremo a disposizione i dati di login per entrare appunto in questo pannello, dove scorrendo nella sezione “Autoinstallers“, basterà scegliere WordPress come nella foto qui sotto :

Install-wordpress-1-altNella schermata successiva avremo la possibilità di inserire tutti i nostri dati per il sito che andremo a creare.

Install-wordpress-2-alt

Non ci rimane che premere il bottone “Installa” e attendere circa 5 minuti per avere finalmente la nostra piattaforma WordPress pronta all’uso, installata sul nostro spazio web.

Ora non ci rimane che scrivere nella barra degli indirizzi del nostro Browser ” Http://www.mionome.it/wp-admin ” per accedere a quello che viene chiamato “Backend“, cioè il vero cuore del nostro sito web.

Backend-wordpress-1-alt

Da qui potrete cominciare ad esprimere tutta la vostra creatività, scorrendo tra le varie sezioni di sinistra infatti potete scegliere il Tema che più vi piace tra quelli gratuiti disponibili, scrivere il vostro primo articolo e installare i plugin più interessanti e più utili ai vostri scopi.

Come dicevo ci sono 2 modalità di installazione, se la prima è del tutto automatica la seconda anche se abbastanza semplice, potrebbe risultare a primo impatto un pochino più complicata ma vediamola insieme;

La prima cosa da fare è collegarsi al sito internet di WordPress e scaricare il pacchetto d’installazione sul PC .

Install-wordpress-3-alt

A questo punto, bisogna andare nel pannello di controllo dell’ hosting e avviare la creazione di un nuovo database MySQL selezionando l’apposita voce (le diciture cambiano a seconda del servizio di hosting utilizzato). Comincerà una semplice procedura guidata nella quale si dovrà indicare il nome da assegnare al database e una combinazione di nome utente e password da usare per gestire quest’ultimo. Al termine dell’operazione, sarà visualizzata una pagina riepilogativa con il nome del database, il nome utente dell’amministratore e l’indirizzo del MySQL.

Adesso che abbiamo tutto il necessario dobbiamo aprire l’archivio di WordPress scaricato in precedenza (es. wordpress-4.5.1-it_IT.zip) ed estrarne il contenuto in una cartella qualsiasi, dopodiché dobbiamo il file wp-config-sample.php in wp-config.php ed aprire quest’ultimo con un editor di testo (va bene anche il classico Blocco Note di Windows).

 

 

Ora si procede effettuando queste modifiche:

  • Sostituire il valore database_name_here nella stringa define(‘DB_NAME’, ‘database_name_here’); con il nome del database del proprio hosting.
  • Sostituire il valore username_here nella stringa define(‘DB_USER’, ‘username_here’); con il nome utente dell’amministratore del database scelto.
  • Sostituire il valore password_here nella stringa define(‘DB_PASSWORD’, ‘password_here’); con la password che abbiamo scelto durante la creazione del database MySQL.
  • Sostituire il valore localhost nella stringa define(‘DB_HOST’, ‘localhost’); con l’indirizzo del database MySQL.

Bisogna infine individuare le seguenti stringhe e sostituirle con quelle presenti in questa pagina :

define(‘AUTH_KEY’,         ‘put your unique phrase here’);Install-wordpress-4-alt

define(‘SECURE_AUTH_KEY’,  ‘put your unique phrase here’);

define(‘LOGGED_IN_KEY’,    ‘put your unique phrase here’);

define(‘NONCE_KEY’,        ‘put your unique phrase here’);

define(‘AUTH_SALT’,        ‘put your unique phrase here’);

define(‘SECURE_AUTH_SALT’, ‘put your unique phrase here’);

define(‘LOGGED_IN_SALT’,   ‘put your unique phrase here’);

define(‘NONCE_SALT’,       ‘put your unique phrase here’);

  • Aggiungiamo dei numeri a piacere dopo wp nella stringa $table_prefix  = ‘wp_’; in modo da ottenere qualcosa come $table_prefix  = ‘wp12_’;.
  • Salviamo le modifiche effettuate al file selezionando la voce Salva dal menu File.

Arrivato a questo punto, avremo tutto il necessario per installare WordPress sullo spazio online.
Colleghiamoci dunque al pannello di controllo dello spazio hosting, selezionando la voce Gestore file (o Upload) per accedere al file manager del servizio e carichiamo tutti i file contenuti nella cartella di WordPress che si trova al momento sul nostro pc nella directory principale del sito. ( Public_html)
In alternativa possiamo caricare tutti i file tramite un client FTP come FileZilla.
Al termine dell’operazione, colleghiamoci all’indirizzo di dominio che abbiamo scelto http://www.mionome.it/wp-admin/install.php e partirà la procedura di configurazione iniziale di WordPress nella quale dovremo inserire il titolo del blog, il nome utente e la password che vogliamo usare per scrivere ed il nostro indirizzo email.

Install-wordpress-5-alt

Adesso, clicchiamo prima su Installa WordPress e poi su Collegati per accedere alla schermata di login di WordPress, effettuiamo l’accesso al blog usando i dati scelti in precedenza e avremo finalmente accesso al pannello interno del sito nel quale potremo dalla sezione ASPETTO sulla sinistra selezionare il tema grafico del blog, scrivere post, ecc..


Spero di esserti stato utile con questo articolo, sei riuscito ad installare WordPress senza difficoltà ? faccelo sapere lasciando un commento.

Linkedin : come muoversi

Linkedin è un social network molto speciale, diverso da tutti gli altri esistenti in rete. Esso infatti crea connessioni ed interazioni di tipo professionale. E’ utilizzato da milioni di persone in tutto il mondo: professionisti, lavoratori, reclutatori di ogni sorta per aumentare i contatti e assumere personale. Possedere un profilo compilato correttamente può essere molto utile. Scopriamo insieme quali devono essere le sue caratteristiche principali.

Continua a leggere